search menu
Recensione Gaming

Final Fantasy 16 Demo, lo scudo e la fiamma

root • 13 Giugno 2023

forum

0

Come assaggio dell’esperienza che troveremo tra qualche giorno, Square Enix ha rilasciato una demo di Final Fantasy 16: ecco la nostra recensione

La saga di Final Fantasy è da sempre uno dei nomi più importanti nel mondo videoludico: c’è chi la ama alla follia, c’è chi non ne ha mai toccato nemmeno un capitolo, ma l’opinione pubblica è probabilmente unanime a pensare che un nuovo capitolo principale di questo franchise è sempre un grande evento, sia per i fan di vecchia data che per i nuovi timidi videogiocatori che vogliono approcciare il particolare stile fantasy che tanto contraddistingue questa saga.

Final Fantasy 16 non si sminuisce, portando sul piccolo schermo un fantasy degno del nome che porta. La demo fornita da Square Enix non è altro che un piccolo assaggio della marea di contenuti che l’esperienza definitiva del gioco darà: contiene solo i primi capitoli della storia, che vanno a delineare solamente l’incipit delle vicende e poco altro, lasciando molto all’interpretazione del giocatore e finendo su un gradevole cliffhanger che spinge a voler provare la versione completa del gioco. Non c’è da preoccuparsi però: tutto il progresso effettuato nella demo sarà trasferibile nel gioco quando uscirà questo 22 Giugno, dove si potrà riprendere a giocare dal salvataggio della demo.

Il punto di forza del gioco sembra essere, così come ogni JRPG che si rispetti, la trama. L’ispirazione a celebri serie come Il Trono di Spade è facile da notare per ambientazione e design dei personaggi. Le vicende di Final Fantasy 16 sono ambientate in un mondo simile all’Europa medievale, con ducati, regnanti, guerre e tradimenti. Sono stato piacevolmente sorpreso dalla cura con cui il setting è stato delineato: lo stile medievale, spesso frainteso dagli sviluppatori giapponesi poichè non avendo sperimentato all’interno della propria cultura un periodo storico simile non riescono appieno a capirne le dinamiche e le sfaccettature, è stato questa volta presentato con cura, sia attraverso le dinamiche dei personaggi che nel design delle ambientazioni.

Il protagonista di Final Fantasy 16, Clive Rosfield, ha vicende affini a quelle di Jon Snow, uno dei protagonisti de Il Trono di Spade. Il personaggio è ripudiato dalla madre, biologica nel primo caso e adottivo nel secondo, ed è costretto ad essere parte dei ranghi dell’esercito e non poter ereditare il trono a causa di fattori esterni non dipendenti dal ragazzo. La differenza fondamentale, a volerla cercare, sta nell’elemento che i due ragazzi incarnano: Clive, benedetto da un’entità chiamata Fenice, padroneggia i poteri del fuoco, mentre Jon Snow (sta nel nome!) ha sempre trovato sè stesso nei ghiacci più freddi.

La demo è estremamente incentrata sul plot, fornendo al giocatore principalmente cutscene e dialoghi – probabilmente un po’ troppe cutscene, che interrompono in maniera leggermente invasiva anche le sezioni di gameplay, in momenti in cui non erano completamente necessarie. Oltre a questo, l’introduzione si delinea in maniera magistrale, è piena di colpi di scena e vi terrà incollati allo schermo fino alla fine del tempo di prova. Inoltre, come ogni demo che si rispetti, il finale non è conclusivo e lascia molte domande. Volete la risposta? Bene, il gioco completo non aspetta altro che voi.

Finita la parentesi storiografica e quella sulle serie televisive inglesi, è tempo di passare all’elemento che probabilmente nuoce di più a Final Fantasy 16: il gameplay. Per quanto reso estremamente più dinamico ed interattivo, il sistema di combattimento sembra ancora estremamente rigido: i nemici hanno poca reazione agli attacchi del protagonista e rispondono seguendo pattern estremamente prevedibili e facili da schivare. In aggiunta a ciò, la quantità di HP degli avversari non bilancia l’estrema faciltà del gioco, e questo fa deteriorare ogni battaglia in Clive che dovrà colpire questa enorme montagna di punti salute senza però venirne mai sommersi.

Le varie meccaniche di combattimento sono overall divertenti da giocare e estremamente belle da vedere, ma non sembrano portare molta differenza all’output offensivo del protagonista, se non con certi attacchi caricati, che però non converrà mai usare data la dinamicità dei combattimenti. Inoltre, le varie cinematiche durante la battaglia offrono solo possibilità di infliggere ingenti danni gratuitamente, poichè non rappresentano alcuna difficoltà per il giocatore data la faciltà dei quick-time events. Ovviamente la demo ha la lacuna di non possedere gran parte del contenuto del gioco finale, che potrebbe contenere nemici più complessi da affrontare e nuove abilità che da soli potrebbero completamente ribaltare questo discorso. La parola finale va dunque al gioco completo.

Altro elemento di pregio invece sono le visual: le grafiche di Final Fantasy 16 su PS5 sono estremamente ben curate e sono uno dei punti di forza del gioco. In aggiunta a ciò, i design sono molto belli e originali, a partire dai personaggi, con un discorso che però può essere esteso anche ai nemici, ai palazzi e agli effetti particellari che accompagnano la nostra avventura. Un’esperienza davvero gradevole da affrontare.

La colonna sonora, per quanto sia solo un assaggio di quello che troveremo nella versione completa, è epica, simile alla colonna sonora di altri giochi con setting simile come ad esempio la saga di Dark Souls. Sono anche presenti vari remix di storiche track della saga Final Fantasy, a partire ovviamente dallo storico fanfare di vittoria dopo una battaglia, che questa volta ha un supporto corale a cantare la vittoria dei personaggi in gioco.

Giocata la demo, non resta altro che aspettare l’uscita effettiva di Final Fantasy 16, che arriverà il 22 Giugno in esclusiva per PS5.

Se volete acquistare capitoli precedenti del franchise in attesa di Final Fantasy 16, li trovate su Instant Gaming a prezzo scontato, come parte di un catalogo di giochi in continua espansione e ad un prezzo convenientissimo!

Se invece vi siete persi delle notizie la scorsa settimana, niente paura! Le abbiamo raccolte per voi nel nostro Weekly Gaming!

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Omori: Il celebre videogioco Indie riceverà un manga!

2 Marzo 2024

Tra Dentiere e Fantasmi: Intervista a Sui!

2 Marzo 2024

Omori, annunciata la Collector's Edition

2 Marzo 2024

Twitch Plays Pokémon compie 10 anni

2 Marzo 2024

Mostrata un immagine teaser per il prossimo personaggio di Guilty Gear -Strive-

29 Febbraio 2024

L’Influenza di EarthBound nel genere RPG

28 Febbraio 2024