search menu

Le visual novel, tra anime e videogioco

root • 7 Luglio 2023

forum

0

Il Giappone ha saputo sfruttare in maniera eccellente anche il videogioco come medium di narrazione: ecco a voi le visual novel, il giusto compromesso tra un anime e un videogioco

Il genere videoludico noto in occidente come Visual Novel nasce nel paese del sol levante nella prima metà degli anni 80. L’aspetto che contraddistingue di più questi videogiochi è il gameplay, che viene ridotto al minimo indispensabile se non completamente eliminato; per compensare ciò, viene messa una cura più minuziosa sullo sviluppo della trama e dei personaggi, che assumono un ruolo centrale in questi titoli: l’intero gioco si delinea quindi tramite i dialoghi e le interazioni con gli elementi del mondo di gioco.

Quindi la narrativa diventa strumento massimo in questo tipo di opere, ed è per questo che sono concettualmente molto più vicine ad anime e manga che a semplici videogiochi; proprio a causa di ciò, è molto comune per visual novel ricevere adattamenti animati o cartacei per far raggiungere la storia che raccontano ad altri tipi di audience simili.

Vi è però una sostanziale differenza tra questi due tipi di medium, ed è come si ci può aspettare uno degli elementi che servono a tenere attiva l’attenzione del giocatore: la presenza di scelte. Infatti, in molte visual novel, sono presenti diversi branch narrativi che, in base ad alcune azioni compiute dal giocatore, siano esse scelte tra personaggi oppure linee di dialogo in una conversazione, possono completamente stravolgere il finale e gli avvenimenti stessi del plot.

A causa di ciò, vi è sempre enorme incertezza negli adattamenti anime e manga di queste novel, che spesso risultano scarne rispetto ai contenuti offerti dal gioco, o peggio provano inutilmente ad adattare più diramazioni in una stravolgendo la trama; ovviamente, vi sono numerose eccezioni che riescono a fornire un’esperienza coerente al gioco, ed è anche da notare che sono spesso solo i fan più accaniti a denigrare adattamenti che alla fine compiono comunque un buon lavoro, seppure non fedele al 100% rispetto alla fonte.

Sottogeneri

Come ogni genere che si rispetti, il suo sviluppo e conseguente miglioramento ha portato alla creazione di varie categorie di sottogeneri. La suddivisione principale avviene soltanto in Giappone, dove vengono distinti nello specifico le visual novel dagli adventure game, giochi dove il gameplay è più impattante e dove sono presentati al giocatore enigmi e rompicapi per proseguire nella storia, rispetto a un’assenza quasi totale di influenza del giocatore (se non per le scelte, ovviamente) che caratterizza le visual novel; in occidente questa divisione si perde, ed entrambe le tipologie sono denominate visual novel dai più.

Le altre suddivisioni sono effettuabili tramite i trope che è possibile trovare all’interno dei giochi:

Adesso, ecco una lista di visual novel celebri e dei rispettivi adattamenti anime o manga se esistono.

Clannad

Sviluppata da Key nel 2004 per PC, non segue lo standard dei suoi vecchi giochi principalmente per adulti, ma è stato concepito direttamente come un gioco rivolto a tutte le età. Il titolo appartiene al genere nakige, offrendo una trama molto commovente che si concentra sul tema della famiglia. Clannad ha anche ricevuto diversi adattamenti sia animati che sotto forma di manga ed altro; i più celebri e acclamati sono i due adattamenti anime Clannad e Clannad: After Story, entrambi animati da Kyoto Animation. La visual novel è stata la più venduta nel genere bishojou durante il periodo di lancio in Giappone, ma anche negli anni successivi.

Steins;Gate

Se parliamo di visual novel celebri è impossibile non citare Steins;Gate, sviluppata da 5pb. e Nitroplus, artefici anche di altre visual novel sci-fi come Chaos;Head. Inizialmente pubblicata nel 2009 su Xbox 360, è una storia sci-fi ADV(avventura) ed è tra le più consigliate dagli amanti del genere.

Il suo adattamento anime è composta da una serie ed un film che hanno ispirato successivamente un remake della visual novel, Steins;Gate Elite (disponibile su Switch, PS4 e PSVita), che contiene scene animate prese dall’anime, ma anche extra in route che non sono state adattate. Steins;Gate infatti ha nella sua novel vari finali alternativi rispetto a quello presentato nell’anime, che ha scelto di adattare solamente la route che porta alla True End del gioco.

Fate/Stay Night

Nata come una visual novel eroge, è considerabile uno dei franchise più redditizi della storia se comprendiamo ogni suo aspetto. Oltre ad essere etichettata come una delle serie con la storia più complesse da seguire e comprendere, da tenere di conto i diversi buchi di trama, fa parte di un universo ancora più grande chiamato “Nasuverse”, dal nome dell’autore Nasu.

Questo universo comprende altre visual novel non appartenenti al franchise di Fate come Tsukihime. Il suo adattamento anime non è formato da una sola serie, ma da decine che seguono le varie route della storia (le due più importanti sono la serie Fate/Stay Night: Unlimited Blade Works e la trilogia di film Fate/Stay Night: Heaven’s Feel, che adattano le omonime route) insieme anche a vari prequel, sequel, spin-off, e chi più ne ha più ne metta.

Fate vanta anche di essere uno degli anime con le migliori animazioni della storia, grazie al celebre studio Ufotable. Questo franchise è tutt’ora uno dei più attivi con il gioco gacha Fate/Grand Order, che permette ai giocatori di collezionare vari personaggi storici del passato sotto forma di personaggi anime.

Doki Doki Literature Club

Apparentemente una visual novel slice of life abbastanza noiosa e senza molto da offrire, in realtà si tratta del surreale progetto horror-psicologico sviluppato da Team Salvato per PC. Disponibile gratuitamente su Steam oppure a pagamento nella sua versione Deluxe anche su console, il gioco ha raggiunto un’enorme popolarità grazie al modo in cui il giocatore viene preso alla sprovvista, alle frequenti rotture della quarta parete e ai migliaia di misteri che riesce a presentare al giocatore, ma anche a causa dell’enorme successo mediatico grazie ai let’s play di vari streamer e ai meme diffusi su i social.

Ace Attorney

La serie investigativa pubblicata da Capcom vede come protagonisti una serie di avvocati il cui obiettivo è difendere i propri clienti, ingiustamente accusati di omicidio. Rispetto alle altre visual novel, la serie di Ace Attorney offre un gameplay più interattivo, dove bisogna raccogliere prove e obiettare quando si trovano incongruenze del discorso dei testimoni. Attenzione però: troppe obiezioni a sproposito, o troppe poche e il vostro cliente sarà messo in manette, facendovi perdere.

La saga ha ricevuto alcuni adattamenti anime, ma nessuno dei due è stato accolto con favore da parte della community che li ha recensiti molto mediocremente; evidentemente non sono stati capaci di trasporre in maniera accurata la complessità dei vari casi che questa saga riesce ad offrire, magari in futuro qualche altra casa di produzione potrà offrirci un prodotto curato in maniera più attenta.

Se volete acquistare giochi a prezzo scontato, li trovate su Instant Gaming, come parte di un catalogo di giochi in continua espansione e ad un prezzo convenientissimo!

Se invece vi siete persi delle notizie la scorsa settimana, niente paura! Le abbiamo raccolte per voi nel nostro Weekly Gaming!

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Le notizie Anime e Manga più importanti della settimana dal 17 al 23 giugno | XEUDWEEKLY

24 Giugno 2024

Attack on Titan: Annunciato l'arrivo del doppiaggio italiano degli ultimi 2 episodi!

23 Giugno 2024

I manga più venduti in Giappone dal 10 giugno al 16 giugno - Oricon

22 Giugno 2024

JPOP annuncia Le 100 ragazze che ti amano tanto tanto tanto tanto tanto

20 Giugno 2024

GLI ANIME DELL'ESTATE 2024 | QUALI SONO E DOVE VEDERLI?

19 Giugno 2024

Le uscite manga della settimana in Italia dal 18 al 24 giugno

18 Giugno 2024