search menu
Articolo Anime & Manga

VINLAND SAGA 2: Intervista alle brillanti menti dietro questa opera

root • 28 Giugno 2023

forum

0

VINLAND SAGA, l’anime storico acclamato dalla critica, che ha portato il pubblico in un viaggio mozzafiato attraverso l’era vichinga, combinando battaglie emozionanti, personaggi complessi e una narrazione avvincente.

La seconda stagione di Vinland Saga è una delle serie anime ad aver riscosso un grandissimo successo nel 2023. È incentrata sul protagonista principale Thorfinn, alla ricerca di un mondo in cui possa essere libero dalla violenza e dalla brutalità che hanno caratterizzato la sua vita nella prima stagione.

Il character designer è Takahiko Abiru, la cui visione artistica dà vita al variegato e avvincente cast di Vinland Saga. A lavorare in coppia con Abiru c’è l’art director Yusuke Takeda, che crea meticolosamente ambienti immersivi che trasportano gli spettatori nel mondo crudo e brutale dei vichinghi. Dietro le quinte, il produttore Naokado Fujiyama orchestra la produzione, assicurandosi che venga eseguita in modo tempestivo.

Il team che si è occupato della produzione e pianificazione dell’anime, Twin Engine, ha rilasciato un’intervista ad ANN (Anime News Network) di come sono riusciti a gestire le grandi aspettative dei fan per la seconda stagione bilanciando al contempo la qualità della storia della serie.


La prima stagione di Vinland Saga è stata un grande successo, con molte persone ancora oggi entusiaste. Sapendo che ci sarebbe stato molto clamore per la seconda stagione, come ha fatto il team a gestire le grandi aspettative offrendo allo stesso tempo un’esperienza altrettanto divertente per i fan?

Fujiyama: Ci sforziamo davvero di superare le aspettative dei fan. Come produttore, non creo personalmente il lavoro, ma cerco di creare un ambiente che aiuti il ​​lavoro a essere il migliore possibile. Quindi, ad esempio, la Stagione uno era disponibile solo su Amazon Prime , ma con la Stagione due, portandolo in altri posti come Crunchyroll e Netflix e provando a consegnarlo a quanti più fan possibile per creare un ambiente in cui l’opera possa riscuotere più successo possibile, in modo tale da superare le aspettative dei fan.


Vinland Saga 2 è stato sbalorditivo dal punto di vista visivo e narrativo. In che modo il suo team si è avvicinato all’adattamento di questo nuovo arco narrativo della serie?

Abiru: Il nostro approccio fondamentalmente non è cambiato dalla prima alla seconda stagione. Avevamo molte buone idee che erano state sviluppate durante la prima stagione, quindi siamo partiti da una posizione solida con Vinland Saga 2 e abbiamo solo cercato di spingerci oltre sviluppando sempre idee migliori provando a realizzare il tema.


Nella prima stagione di Vinland Saga, il design di Thorfinn riflette molte delle sue emozioni e del suo stato d’animo durante quel lasso di tempo, sembra arrabbiato e consumato dalla battaglia. Nella seconda stagione vediamo un Thorfinn completamente diverso. Come ha fatto a catturare il suo nuovo aspetto?

Abiru: L’ordine numero uno del regista agli animatori era di rendere davvero i personaggi e Thorfinn il più espressivi possibile e di concentrarsi davvero sulle loro espressioni.
Ci è stato detto che con la prima stagione la gamma di espressioni era in qualche modo limitata, e così con la seconda, abbiamo cercato di ampliare la portata di ciò e cercare di creare una gamma di espressioni molto più ampia.”

Il suo team ha svolto un ottimo lavoro nel portare in vita il mondo di VINLAND SAGA attraverso l’animazione. Nella stagione uno, abbiamo visto molto il campo di battaglia e le scene d’azione. Com’è stato spostarsi e concentrarsi su un’ambientazione diversa, come La Fattoria di Ketil?

Takeda: Come direttore artistico, sono stato davvero il primo punto di partenza a ricevere la visione o l’ordine del regista. Dipende davvero da come lo interpretiamo e lo trasmettiamo agli spettatori.
E così per la prima stagione, ci sono stati molti tentativi ed errori, e penso che ci sia voluto molto lavoro per provare a realizzare quella visione. Ma penso che con la seconda stagione abbiamo compreso le basi della prima e siamo stati in grado di costruirci sopra e credo che in realtà sia andata più agevolmente grazie a tutto il duro lavoro che abbiamo fatto per realizzare la prima. Abbiamo davvero costruito su solide fondamenta.

Fujiyama: Vorrei aggiungere qualcosa a quanto detto da Takeda-san e Abiru-san. Come produttore, non ho mai lavorato a qualcosa con questo tipo di ambientazione profonda prima d’ora. Ma penso che dal mio punto di vista, che si tratti di selezionare, sai, immagini chiave o elementi visivi chiave, trailer o creare video, è come trasmettere quella visione ai fan. Quindi, in questo caso, non ci stiamo concentrando solo sul Giappone, ma stiamo portando VINLAND SAGA nel mondo.

La storia della seconda stagione inizia con un tono diverso rispetto alla prima. È meno ricca di azione fin dall’inizio rispetto al suo predecessore, e ci vuole tempo per raggiungere il climax. Quale pensate sia l’attrattiva principale della storia e dei personaggi della seconda stagione?

Takeda: Anche se non è una battaglia o una scena di guerra, è comunque una battaglia di emozioni tra i personaggi. Quindi, mentre la stagione uno ha avuto molta azione e molte telecamere che si muovevano dappertutto, nella seconda stagione c’era una telecamera fissa in una posizione specifica, e l’attenzione era davvero sui volti, e questa battaglia di volontà o battaglia dello spirito dei diversi personaggi, per me, è stata altrettanto emozionante da guardare.

Abiru: Sento che uno degli aspetti positivi della seconda stagione è che la qualità visiva continua a migliorare sempre di più rispetto al passato, e continua a migliorare.

Fujiyama: Con la seconda stagione, penso che ci sia una sorta di concetto senza tempo. Cosa significa vivere? Com’è essere uno schiavo della guerra? Queste sono cose immutabili che penso siano molto rilevanti per i nostri giorni moderni, e anche se al momento non c’è una guerra in corso in Giappone, questi sono temi che penso che tutti noi come persone dobbiamo considerare e pensare e portandoli fuori in un lavoro divertente. Spero che possiamo consegnarlo a quante più persone possibile e far riflettere su questi temi importanti.

La seconda stagione affronta il tema della violenza e della schiavitù umana in modo molto diretto. In che modo La Fattoria di Ketil funge da microcosmo per questi soggetti?

Fujiyama: La Fattoria di Ketil è un’ambientazione interessante e sono successe cose molto difficili con Canute e l’attacco. C’è una svolta molto difficile in quella che una volta era una tranquilla fattoria. È un po’ difficile da dire, ma c’è qualcosa che può essere un catalizzatore in quell’ambientazione.

Penso che uno degli aspetti interessanti della seconda stagione sia il flusso dei personaggi Thorfinn, Einar e Ketil.
Ketil, ad esempio, inizia come questa grande persona, un grande essere umano, ma alla fine anche Ketil viene assorbito dalla violenza. Penso che questo dimostri che non c’è una risposta facile.

Riconosco che le persone sono cose complicate. A volte certe situazioni faranno emergere attributi che una persona non pensava di avere, come la violenza.

Qualche commento finale ai fan? O qualcos’altro che vorreste aggiungere su Vinland Saga 2?

Abiru: Stiamo ancora lavorando alla seconda stagione. In realtà l’abbiamo lasciata per venire qui a Chicago. Lotteremo fino alla fine per assicurarci che il livello di qualità rimanga alto fino alla fine.

Fujiyama: Penso che un grande tema che non vediamo l’ora sia la reazione delle persone quando mostreremo l’episodio 20 quando vedranno cosa succede a Thorfinn. Vedremo quali scelte deve affrontare Thorfinn e quale futuro sceglierà. E penso che un tema importante della seconda stagione sia vedere come si evolve Thorfinn e quali scelte farà, e come il personaggio continuerà fino alla fine di questa stagione.

Takeda: Abbiamo finito l’episodio 20. Ora mancano altri quattro episodi e faremo davvero in modo che la storia attraversi alcune interessanti espansioni e svolte. E speriamo davvero che i fan non vedano l’ora e si divertano.

Se ti sei perso l’intervista al celebre mangaka Aka Akasaka ti invitiamo a leggerla

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Le uscite manga della settimana in Italia dal 26 febbraio al 1 marzo

27 Febbraio 2024

Lupin III: Il castello di Cagliostro: ritorna al cinema a Marzo!

26 Febbraio 2024

Le notizie Anime e Manga più importanti della settimana dal 19 al 26 febbraio | XEUDWEEKLY

26 Febbraio 2024

I manga più venduti in Giappone dal 12 al 18 febbraio- Oricon

24 Febbraio 2024

Kiss it, Goodbye! Una storia Girls Love di un'autrice italiana

24 Febbraio 2024

Intervista a Ticcy: autrice del fumetto italiano Girls Love "Kiss it, Goodbye!"

24 Febbraio 2024