search menu
Articolo Anime & Manga

Oshi no Ko: intervista all’autore Aka Akasaka

root • 30 Maggio 2023

forum

0

Oshi no Ko è indubbiamente l’anime del momento ed era prevedibile provenendo dalla stessa penna dell’autore di Kaguya-sama: Love is War, Aka Akasaka.

La storia è ricca di spunti affascinanti sull’industria dell’intrattenimento giapponese, il tutto avvolto in un’avvincente trama di suspense.
Il manga è opera di due acclamati artisti: Aka Akasaka (Kaguya-sama: Love is War) e Mengo Yokoyari (Scum’s Wish).
In questa intervista scoprire come ha partorito una storia del genere ed il motivo dietro ad essa!

(Ringraziamo Cice per la traduzione dell’intervista)

Cosa ha ispirato l’idea originale di “reincarnarsi nel figlio del proprio idolo preferito”?

Durante il dibattito con il mio assistente su come creare un manga, stavamo discutendo su come creare una storia basata su un “forte desiderio”. In quel momento, uno degli assistenti e io abbiamo parlato del desiderio di reincarnarsi nel figlio di una idol. Si tratta di una battuta famosa in Giappone, spesso twittata come pezzo di scena quando si diffonde la notizia del matrimonio di una idol. Ho annotato l’idea nel mio libro di idee per le storie. Qualche tempo dopo, ho iniziato a sentire sempre più brontolii e lamentele sull’industria dell’intrattenimento attraverso la versione live-action di Kaguya-sama e nuovi amici streamer. Ho pensato che fosse il momento giusto per creare una storia sull’industria dell’intrattenimento e ho capito che avrei potuto utilizzare l’idea che avevo avuto allora.

Quanto avevi in mente della trama generale della storia quando hai iniziato a disegnare il primo capitolo?

Per me le trame del primo e dell’ultimo atto erano già definite. Poi ho riflettuto sul tipo di eventi che avrei voluto aggiungere nel mezzo. Ho avuto l’impressione che in Giappone i manga d’intrattenimento utilizzassero spesso come temi drammi, film, opere teatrali, spettacoli di varietà, ecc. Oggi, tuttavia, l’industria dell’intrattenimento è cambiata radicalmente. I talenti [intrattenitori che appaiono spesso in TV in Giappone] non possono più ignorare Internet, YouTube è diventato super popolare, i film vengono guardati con i sottotitoli, le opere teatrali sono sempre più basate su anime e manga e c’è stato un caso di suicidio a causa di un reality show. Considerando tutti questi fatti, ho deciso di affrontare un argomento contemporaneo, qualcosa che sta accadendo nel mondo reale dell’intrattenimento giapponese di oggi. Questo è stato il primo concetto.

Dato che i primi capitoli del manga si muovono nel tempo molto velocemente, che tipo di cose ha tenuto a mente quando ha disegnato Ai e i bambini?

La parte principale di questa serie inizia dal secondo volume dell’opera originale e dal secondo episodio dell’anime. Poiché la rivista in cui il manga è serializzato si rivolge a lettori adulti, ho indicato che si tratta di una storia per adulti in alcuni punti chiave della storia.

Come vi siete conosciute e cosa vi ha portato a lavorare insieme su questo manga?

Inizialmente ho apprezzato il talento di Mengo-sensei. Un amico comune ci ha dato l’opportunità di incontrarci quando gliene ho parlato. Quindi conoscevo le capacità e il talento di Mengo-sensei. Quando mi è venuto in mente il concetto di 【Oshi No Ko】, c’era una storia sull’industria dell’intrattenimento in una delle opere di Mengo-sensei. L’ho letta e ho deciso immediatamente di contattare Mengo-sensei.

In che misura voi (Aka Akasaka e Mengo Yokoyari) vi scambiate idee quando sviluppate la trama del manga?

Mengo-sensei ha fatto centro con Scum’s Wish, che non è basato su una storia esistente o su una sceneggiatura separata. È in grado di scrivere manga interessanti anche senza di me. Quando sono bloccato su una storia, spesso mi consulto con Mengo-sensei. Esco a cena con l’editore e Mengo-sensei. Li chiamiamo “incontri di preparazione”, ma in realtà ci limitiamo a chiacchierare. In pratica, pensate che io abbia in mente il flusso della storia e che ogni volta che mi blocco mi consulti con qualcuno.

Come si colloca il lavoro su 【Oshi No Ko】 rispetto ai tuoi manga precedenti?

Fondamentalmente, mi ritengo uno scrittore nel filone di 【Oshi No Ko】. Lo stile comico di Kaguya-sama è solo una formula particolare nata dalla richiesta della redazione. Quindi, per me, quella serie è qualcosa che deriva da quella particolare formula. Tuttavia, ho incluso lo stile comico di Kaguya-sama anche nella serie 【Oshi No Ko】 per renderla più facile da leggere.

Qual è il suo processo di ideazione dei nuovi personaggi? Ci sono mai stati disaccordi sull’aspetto di un personaggio?

Per i personaggi principali, disegno un abbozzo e lo mando alla signora che si occupa degli storyboard. Tuttavia, a volte Mengo-sensei disegna un intero personaggio anche senza che io fornisca i dettagli per iscritto. A volte il processo è più interattivo, come se mi affezionassi al personaggio e aumentassi la frequenza delle sue apparizioni. Mi piace questo stile di creazione dei personaggi. Se c’è un problema con il design del personaggio, ne discutiamo e lo cambiamo. Tuttavia, solo una volta abbiamo effettivamente apportato una modifica. È successo quando ho modellato un personaggio sulla base di una persona reale, e il design assomigliava troppo alla persona in questione. Oshi No Ko utilizza pezzi di storie reali nelle sue trame, ma non è un documentario e non intende assolutamente attaccare persone reali. Nelle trame ho adattato eventi che potrebbero accadere con le tendenze e le regole dell’attuale industria dell’intrattenimento. Questo lavoro è una fiction.

Che tipo di ricerca ha fatto sulle industrie dell’intrattenimento rappresentate in questo manga?

Le linee di copertura della ricerca per 【Oshi No Ko】 sono molto ampie. Andiamo in giro ad ascoltare storie reali e stime personali di top talent, idol underground, persone che lavorano nelle stazioni televisive, veri produttori, manager, redattori di riviste di gossip, YouTubers, sceneggiatori e molti altri. Ciò che viene rivelato in questo processo riguarda molto l’equilibrio di potere e la logica, e ci sono molti casi di insoddisfazione, come “A sta prendendo alla leggera B, B sta prendendo alla leggera C e C sta prendendo alla leggera A”, che vengono attribuiti a circostanze e regole specifiche. A volte penso che se lavorano con questa consapevolezza, i talenti e le persone che li circondano possono lavorare senza stress. Ho sentito dire che l’industria dell’intrattenimento negli Stati Uniti e in Giappone sono completamente diverse. Nell’industria dell’intrattenimento giapponese oggi non c’è un sindacato per i talenti e gli scrittori, non ci sono garanzie, i provini non vengono presi in considerazione nei casting, le opportunità vengono date in base all’equilibrio di potere tra le aziende e, in pratica, non si può andare contro il responsabile… questo genere di cose. E continuano ad accadere. Se voi, lettori americani, potete godervi la lettura di 【Oshi No Ko】 con la consapevolezza di questa situazione giapponese unica, potrete approfondire la vostra comprensione di questa storia.

Cosa l’ha ispirata a ritrarre il mondo delle idol in modo così cupo e drammatico per un’opera di fantasia?

C’è stato un caso in cui un membro del cast è stato aggredito da un fan che aveva visto una foto della prima notizia dell’uscita di un film. Quando è successo, la persona si è presentata come molto dura, ma dopo che siamo diventati amici, mi ha confessato di essere stata molto ferita emotivamente. Quando l’ho scoperto, ho capito che i talenti nascondono la loro vera natura per il bene delle loro opere e dei loro fan che li sostengono. Con la diffusione di Internet, viviamo in una società in cui la voce dei fan viene ascoltata direttamente. Voglio che la gente sappia che i giovani talenti vengono feriti, sfruttati e soffrono. Credo che questo lavoro ponga anche la questione di come le persone dovrebbero affrontare e trattare questi talenti. Credo sia corretto dire che quando ho scritto della realtà, questa è diventata naturalmente più cupa.

Anche se il gioco di parole è leggermente diverso nella versione inglese del manga, anche i fan d’oltreoceano hanno l’abitudine di chiamare Kana “Baking Soda”-chan. Cosa ne pensa di questa battuta che supera i confini nazionali?

Non avrei mai immaginato che l’espressione “baking soda-chan” sarebbe diventata così diffusa, anche al momento dell’uscita della versione giapponese. Sono molto curioso di sapere come le persone negli Stati Uniti abbiano capito la battuta usando le parole giapponesi jūbyо̄ (dieci secondi) e jūsо̄ (bicarbonato di sodio).

Vi ricordiamo che l’anime, secondo un leak, Oshi no Ko riceverà una seconda stagione nel 2024. Maggiori informazioni in questo articolo

Abbiamo anche tradotto due intervista allo staff dell’anime: Cia Nekotami, assistente regista, e Kanna Hirayama, character designer

Fonte: ANN

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Le uscite manga della settimana in Italia dal 18 al 24 giugno

18 Giugno 2024

Le notizie Anime e Manga più importanti della settimana dal 10 al 16 giugno | XEUDWEEKLY

17 Giugno 2024

Gli annunci manga dal 7 al 15 giugno

16 Giugno 2024

I manga piu venduti di maggio 2024 - Oricon

16 Giugno 2024

I manga più venduti in Giappone dal 3 giugno al 9 giugno - Oricon

15 Giugno 2024

L'horror nella cultura POP tra Anime, Serie TV e Videogiochi

15 Giugno 2024