search menu
Recensione Anime & Manga

Heavenly Delusion: una sorpresa ed un viaggio da scoprire

root • 27 Giugno 2023

forum

0

Heavenly Delusion, o Tengoku Daimakyou, è un anime che trasmette una costante sensazione di inquietudine, anche durante le scene divertenti o di intrattenimento.

La trama ruota attorno a mostri divoratori di uomini che hanno distrutto la maggior parte del mondo e ad alcuni bambini che si rifugiano in una struttura, oltre che a un uomo in viaggio per trovare un luogo chiamato “Paradiso”.

L’anime ha una propria identità, diversa da quella di The Promised Neverland e, mentre le animazioni possono piacere o meno, le sigle di apertura e di chiusura sono impressionanti.

Introduzione

Se le storie post-apocalittiche sono la vostra passione, allora potreste voler dare un’occhiata al nuovo anime Tengoku Daimakyou (Heavenly Delusion), una serie post-apocalittica che ricorda A Quiet Place e The Last of Us e che si concentra più sulle dinamiche umane che sui mostri che si aggirano per le terre desolate. Con le sue tematiche adulte, è una sorpresa che Disney+ aggiunga al suo catalogo un’opera simile, brutale ma unica.  

Heavenly Delusion, o Tengoku Daimakyou non è assolutamente un anime horror e non ha nemmeno molti combattimenti. Ma di per sé, non dà mai l’impressione di essere “sicuro”: questo perché anche quando si tratta di scene divertenti, non sembra “normale“. Si ha sempre la sensazione che stia succedendo qualcosa, e di solito è proprio così. Questo anime è persino abbastanza intelligente da usare questa sensazione per attirare l’utente in un falso senso di sicurezza, come nel secondo episodio.

Heavenly Delusion mostra due serie di personaggi: i bambini che vengono accuditi all’interno di una struttura high-tech murata con robot e, all’esterno, un duo di giovani viaggiatori alla ricerca di un luogo chiamato “Paradiso”, mentre combattono banditi e mostri soprannaturali mangia-uomini chiamati “Hiruko”.  

Ciò che rende più divertente la visione è il fatto che nei primi due episodi non si sa ancora se entrambi siano ambientati nella stessa linea temporale e come questi due gruppi di persone siano collegati tra loro. Che la cronologia confusa sia voluta o meno, aggiunge un ulteriore intrigo al mistero di ciò che è accaduto in Giappone 15 anni fa: il Crollo.

La storia

Il mondo di Heavenly Delusion è più vissuto che raccontato. Le scene iniziali della storia, che contrappongono la squisita pulizia dell’asilo nido al degrado urbano, ci insegnano tutto ciò che dobbiamo sapere in pochi secondi. Nel primo caso, l’umanità è abbandonata a se stessa dopo una calamità, con edifici abbandonati a marcire tra la vegetazione e strade fatiscenti. Il secondo è così incontaminato e profumato, con bambini che corrono e giocano, che sembra del tutto falso, se non addirittura misteriosamente protetto. Questi due luoghi non potrebbero essere più diversi in termini di geografia e ideologia. Tuttavia, i racconti di questi due luoghi si uniscono per formare un superbo arazzo fantascientifico, piacevole sia dal punto di vista estetico che sonoro, che esplora gli aspetti più oscuri di ciò che il pianeta dei suoi abitanti significa per loro e come luogo in cui vivere.

I personaggi sono sempre alla ricerca del proprio arcobaleno metaforico in entrambe le situazioni. Kiruko e Maru sono costretti a lavorare insieme per raggiungere i loro obiettivi, ma presto diventa chiaro che il loro legame è più di un semplice accordo commerciale. I due sono costantemente impegnati a scavare e a cercare cibo, ma di tanto in tanto non possono fare a meno di ripensare alla vita prima del disastro. I bambini dell’asilo iniziano a comportarsi in modo insolito per il loro ambiente isolato. Interagiscono direttamente con l’ambiente o l’uno con l’altro per soddisfare i loro impulsi freschi e curiosi. Anche nei momenti in cui una narrazione sembra essere lasciata indietro e l’altra prende il sopravvento, sono costantemente legate da misteri che completano tematicamente i fili apparentemente separati. In questo spirito, le due storie si muovono sempre in parallelo, anche se il numero effettivo di minuti trascorsi in ciascun luogo è ineguale.

La storia di Tokio e Mimihime, due bambini che hanno vissuto tutta la vita nel complesso della loro idilliaca scuola. Protetto da un muro e da insegnanti robot (insieme ad alcuni adulti), l’ambiente incontaminato e bucolico ospita una serie di ragazzi spensierati e apparentemente dotati di superpoteri, le cui maggiori preoccupazioni riguardano i quiz a premi.

A questo si contrappone la vita fuori dalle mura, dove seguiamo Maru e Kiruko, due adolescenti che attraversano le rovine decadenti di un Giappone post-apocalittico. Una calamità sconosciuta, chiamata “Il crollo“, ha spazzato via la maggior parte dell’umanità, lasciando le poche persone rimaste a lottare per sopravvivere. A peggiorare le cose, il disastro ha anche fatto nascere orribili creature mangia-uomini chiamate Hiruko che terrorizzano la terra desolata. Il mondo è un paesaggio infernale, ed è per questo che la coppia di vagabondi è alla ricerca di un luogo chiamato “Paradiso” – presumibilmente alludendo alla scuola dietro il muro.

Oscillando tra queste due prospettive contrastanti, Heavenly Delusion fa un lavoro fantastico nel creare intrighi da entrambe le parti. Introduce una serie di domande: cos’è esattamente la scuola, cos’è successo al mondo esterno, perché alcune persone possiedono capacità soprannaturali e cosa sono questi mostri? Forse il mistero più grande di tutti riguarda la straordinaria somiglianza tra i due protagonisti: perché Maru sembra una versione più vecchia di Tokio?

La trama fa pensare a The Promised Neverland, vero? Lo pensavo anch’io, ma questo anime è così diverso da TPN. All’inizio sembra simile, ma col tempo acquista una propria identità. Fino ad ora non sono state date tante risposte e neanche nel manga, quindi non possiamo fare altro che aspettare.

Aspetto tecnico e registico

Heavenly Delusion evita saggiamente di fare discorsi scontati, scegliendo invece di distribuire informazioni in modo organico, attraverso dettagli visivi o implicazioni nelle conversazioni tra i personaggi. Anche se finora è stato rivelato ben poco, l’anime fornisce quel tanto che basta per tenere la mente in movimento. Al posto delle risposte che fanno avanzare la trama, Tengoku Daimakyo si concentra molto di più sull’elemento umano. Come in The Leftovers o Station Eleven, il come e il perché della distopia sono meno importanti dell’esplorazione del modo in cui le varie persone affrontano – emotivamente, fisicamente e psicologicamente – le circostanze estreme.

Gran parte dell’anime è piuttosto uno slice-of-life, mentre assistiamo al viaggio di Maru e Kiruko. Ma è attraverso i loro viaggi che impariamo a conoscere meglio il duo e come funziona il mondo esterno. Quando incontrano degli estranei, siamo in grado di raccogliere indizi sul “Crollo” attraverso le discussioni e di conoscere i diversi modi in cui gli esseri umani affrontano le difficoltà.

Ma, se approfondiamo l’aspetto tecnico delle animazioni, notiamo un grande lavoro fatto da Production I.G. Per quanto l’anime sia ricco di stili diversi dati dai cambi continui nei registi degli episodi, aspetto perfettamente normale, riesce a mantenere un alto livello, sia nell’animazione che nella regia.

Ad alcuni potrebbe dare fastidio lo stile non consistente, ma a livello artistico è riuscito a sorprendere, soprattutto con le sigle di apertura e chiusura, anche a livello musicale con la opening “innocent arrogance”, cantata da BiSH, e la ending “Dare mo Kare mo Doko mo Nani mo Shiranai” di ASOBI Doume.

Conclusione

Se c’è un punto debole nella serie finora, è che gli eventi all’interno della scuola sono molto meno avvincenti di quelli fuori dalle mura. Speriamo che la storia di Tokio e Mimihime diventi più avvincente, ma per ora sono le avventure di Maru e Kiruko a tenervi avvinti. Grazie all’eccezionale lavoro di Production I.G nell’adattamento del manga, questa splendida serie animata ha anche un’atmosfera visiva di stampo ghibliano che si abbina al mistero che brucia lentamente e al forte lavoro dei personaggi.

Naturalmente, una serie come questa, che richiede molta attenzione e investimenti, può essere rovinata se le sue rivelazioni finali deludono (come la serie TV Lost), quindi c’è sempre la possibilità che Heavenly Delusion esca dai binari in futuro. Ma basandoci su quanto è stato accattivante e sofisticato, siamo più che disposti a credere in questa illusione celeste per il momento.

Voto: 9.7/10

Recensione realizzata da Cice

Per altre recensioni su anime, manga, videogiochi, serie TV e film vi invitiamo a controllare la nostra categoria recensioni

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Le uscite manga della settimana in Italia dal 26 febbraio al 1 marzo

27 Febbraio 2024

Lupin III: Il castello di Cagliostro: ritorna al cinema a Marzo!

26 Febbraio 2024

Le notizie Anime e Manga più importanti della settimana dal 19 al 26 febbraio | XEUDWEEKLY

26 Febbraio 2024

I manga più venduti in Giappone dal 12 al 18 febbraio- Oricon

24 Febbraio 2024

Kiss it, Goodbye! Una storia Girls Love di un'autrice italiana

24 Febbraio 2024

Intervista a Ticcy: autrice del fumetto italiano Girls Love "Kiss it, Goodbye!"

24 Febbraio 2024