search menu
Articolo Anime & Manga

Dietro le quinte di Oshi no Ko: intervista all’assistente regista Ciao Nekotomi

root • 16 Maggio 2023

forum

0

Oshi no Ko è uno degli anime più attesi e discussi di questa stagione, che è riuscito a conquistare il cuore di tutti sia nel bene che nel male. Dalla mente di Aka Akasaka, oggi in questa intervista scopriremo chi c’è dietro a questo nuova anime del momento e come sono riusciti a raggiungere la vetta su MAL dopo solo un episodio. Ecco l’intervista tradotta fatta da AniTrendz e tradotta da noi.

Intervista a Ciao Nekotomi, assistente regista di Oshi no Ko

Piccolo curriculum di Ciao Nekotomi:

La sua carriera ha inizio nel 2015 con piccole mansioni, si è poi spostata nel breve periodo alla direzione e storyboarding di vari episodi in Tokyo Revengers,  Shikimori’s Not Just a Cutie e Citrus. In Oshi no Ko la vediamo per la prima volta come assistente regista.

Come è stato coinvolto per la prima volta nel progetto anime di Oshi no Ko?

Prima che venisse deciso di fare Oshi no Ko, ho avuto la possibilità di lavorare su diversi progetti con Doga Kobo. Il produttore Kobayashi mi ha detto: “Doga Kobo ha deciso di adattare Oshi no Ko in una serie anime, che ne dici di lavorare insieme?” E io ho risposto: “Non vedo l’ora”.

Quali aspetti del manga hanno catturato la sua attenzione e le hanno fatto accettare il ruolo di assistente regista?

In primo luogo, personalmente penso che questo manga abbia vari elementi concentrati al suo interno ed uno di questi è la tematica del lavoro. Mi piacciono molto i manga che parlano di ciò. Se fai questo tipo di lavoro, lo sforzo è davvero necessario.
Quindi, quando sento che il mio cuore sta per spezzarsi, leggere manga come questo dove ci sono personaggi che si dedicano al lavoro con forte determinazione mi incoraggia veramente. Quando stavo davvero combattendo con alcune cose, prima che arrivasse l’offerta per Oshi no Ko, avevo letto il manga per molto tempo e mi aveva davvero incoraggiato.
Dal momento che mi è sempre piaciuto, ho sentito che volevo lavorarci su.

Quindi, ha letto l’opera originale prima di unirsi al progetto?

Esatto. Avevo letto per molto tempo quando Kobayashi-san mi ha chiesto: “Conosci questo manga?” Aveva distribuito questi documenti che provenivano da una busta marrone, ed io ho esclamato: “Oh!” Era come dire: “Davvero? È arrivata un’offerta di animazione per questa opera?”

Prima di questo progetto, voi e gli altri eravate già fan inizialmente?

Sì. Per la maggior parte di noi, lo conoscevamo. Dal momento che le vendite erano state straordinarie, non c’erano molte persone che non ne sapevano nulla, o almeno così mi sembrava.

Come assistente regista, lavora anche a stretto contatto con Hiramaki-san, il regista. Com’è stato il rapporto di lavoro tra voi due?

Vediamo, c’è un po’ di differenza d’età tra Hiramaki-san e me, e naturalmente, la sua esperienza professionale è totalmente diversa. Ma Hiramaki-san ha una natura incredibilmente tollerante e aperta come regista. Anche nei confronti di qualcuno come me, che non ha davvero molta esperienza professionale, mi mostra rispetto per la mia creatività, ascolta ciò che ho da dire e cerca di sfruttare al meglio i miei punti di forza.
Io rispetto molto quella parte di lui, oltre alle sue competenze tecniche. Dal momento che “voglio seguire questa persona”, penso che sia per questo che siamo stati in grado di costruire reciprocamente una buona relazione.

Poiché c’era così tanto da fare e dovevate lavorare insieme, c’è stato qualche cosa su cui si è concentrato lei e qualcosa su cui si è concentrato Hiramaki-san? Come vi siete divisi il lavoro?

Per qualsiasi progetto, penso che ci siano una vasta gamma di modi in cui il lavoro viene condiviso e suddiviso tra il regista e l’assistente, dipende davvero dal progetto. Ma questa volta, riguardo a Oshi no Ko, indubbiamente c’era molto da fare. C’era la danza, le varie scene di ripresa dei film, i vari lavori e anche scene di eventi dal vivo.
C’era davvero molto da fare, quindi ci siamo detti: “Dividiamo il lavoro in modo preciso”. Se entrambi avessimo fatto la stessa cosa, non avremmo mai finito il progetto.
Ad esempio, ci sono assistenti alla regia che accompagnano il regista in tutte le registrazioni vocali in post-produzione. Ma non ho partecipato affatto a questo tipo di cose: registrazioni vocali in post-produzione, la post-produzione audio, la decisione dei tagli e lo spotting degli elementi sonori. Non ho partecipato a nulla di ciò.
D’altra parte, c’è qualcosa chiamato “controllo del regista” che avviene spesso in loco a termine o durante un lavoro, ma questa volta è stato tutto fatto da me assistente alla regia. Quindi, dopo che il direttore dell’episodio ha visto le scene importanti utilizzate nell’episodio, tutto è stato passato a me e l’ho controllato. Inoltre, per quanto riguarda le riunioni per le immagini, il colore, gli highlights della ripresa, gli effetti di movimento 2D, ecc…, è stato organizzato in modo che io partecipassi a tutte quelle riunioni al posto del regista.

Oshi no Ko tocca molti temi intensi e sfide lavorando nell’industria dell’intrattenimento, e ha anche accennato un po’ a come è stato motivato quando ha lavorato sull’anime. Come ha aiutato a bilanciare il lato comico con il lato intenso dell’anime?

Non so cosa direbbe il regista, personalmente penso che ci sia un modo per mantenere l’equilibrio: far sì che le personalità dei personaggi rimangano coerenti. Si tratta di ciò che ogni personaggio dice o non dice, ciò che gli piace o non gli piace, e ciò in cui crede o non crede.
Alla fine, fintanto che ciò rimane coerente, non importa se i personaggi fanno cose divertenti, tristi o anche crudeli, penso che tutto ciò diventi adeguatamente parte di questo lavoro. Quindi, sono passato a lavorare sulla produzione dell’episodio 1, dopo aver adeguatamente approfondito la mia comprensione dei personaggi. E lo stesso vale per tutto lo staff.

Si tratta di far sì che le personalità dei personaggi rimangano coerenti, giusto? Quindi, capendo questo, è stato in grado di affrontare ogni scena della storia?

Esattamente. Ma per cose del genere, Hirayama-san era estremamente dettagliata quando faceva correzioni per il suo lavoro di capo direttore dell’animazione. Noi tre, il Regista, Hirayama-san e io, abbiamo una chat di gruppo insieme, ma di solito la usiamo per chiacchierare.
Ma poi Hirayama-san ha rapidamente inviato un cut, e ha detto: “Se Miyako fa questo tipo di espressione qui, penso che sembrerà una donna spiacevole e antipatica verso Aqua e Ruby. Quindi, se non facciamo in modo che la sua espressione sia più simile a un senso di preoccupazione, non finiremo per fare apparire Miyako come una donna antipatica? Si sforzata molto per prendere i due e crescerli. Lei è una persona compassionevole. Quindi, penso che non sia giusto appaia diversamente.” (Ciò si riferisce a una scena dell’Episodio 1 in cui Miyako considera di ricattare Ai Hoshino).
Hirayama-san aveva preferenze piuttosto forti riguardo a cose del genere. E in un certo senso, imitando quello, anche noi due eravamo come: “Non possiamo far sì che i personaggi abbiano espressioni che assolutamente non farebbero.” Era come: “Non possiamo lasciare che Hirayama-san pensi qualcosa del tipo: ‘Questi ragazzi non lo capiscono’.”

Dal momento che ha letto il manga e poi si è impegnato nell’anime, c’è stata una scena in cui ha pensato: “Oh! Questa scena aveva questo significato” nell’anime?

Per quanto riguarda le scene, sicuramente, fin dalla fase in cui disegnavo le bozze, la scena in cui Ai muore è quella in cui mi sono dato veramente da fare. L’ho gestita fino alla regia e questo è stato qualcosa su cui ho collaborato strettamente con Hirayama-san. Lei è stata in grado di fornire specifiche di animazione molto dettagliate come, “Per questa parte qui, voglio che questa persona la disegni”. Quindi, per fare questa scena o quella, abbiamo persino persuaso e chiamato alcune persone.
Inoltre, anche se riguarda Hirayama-san, dato il suo ruolo di capo direttore dell’animazione, ha dovuto impegnarsi molto per l’immagine finale. Anche se è un lavoro molto impegnativo, quando guardi le immagini dell’anime, gli in-between… dovrebbe essere il lavoro degli in-betweener.
Lei stessa si è occupata di tutti gli in-between della scena. Quindi, le linee che Hirayama-san ha disegnato sono quelle che vediamo in TV. Cose come gli in-between per la bocca sono stati tutti fatti da Hirayama-san.
Quindi, alla fine, circa qualche giorno prima dell’editing finale, Hirayama-san ha caricato rapidamente i cut sul nostro gruppo chat dicendo: “Ho finalmente finito”.
Quindi, questo è stato disegnato a mano con linee molto delicate. Aveva disegnato questi in-between facendo alcune notti in bianco e non dormendo per giorni. E in mezzo a tutto questo, è riuscita a finire perfettamente tutto. È davvero straordinaria.

Ha qualche commento finale per i fan mentre continuano a guardare la serie?

Anche se questo è un lavoro che ovviamente è stato reso popolare da molte persone attraverso il manga, stiamo cercando di estrapolare i dettagli che anche i fan che lo leggono potrebbero non aver notato. Speriamo di poter ampliare tutto ciò utilizzando la nostra esperienza professionale.
Vorremmo trasmettere ad ogni scena il: “Quindi, questa parte aveva quel tipo di significato” il più possibile, utilizzando espressioni, suoni, immagini e colori.
Credo che questo sia stato fatto in modo che anche le persone che hanno letto il manga originale fino alla nausea possano divertirsi; quindi, è qualcosa che voglio che la gente guardi e si diverta.

Traduzione: PingWer74

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Le uscite manga della settimana in Italia dal 26 febbraio al 1 marzo

27 Febbraio 2024

Lupin III: Il castello di Cagliostro: ritorna al cinema a Marzo!

26 Febbraio 2024

Le notizie Anime e Manga più importanti della settimana dal 19 al 26 febbraio | XEUDWEEKLY

26 Febbraio 2024

I manga più venduti in Giappone dal 12 al 18 febbraio- Oricon

24 Febbraio 2024

Kiss it, Goodbye! Una storia Girls Love di un'autrice italiana

24 Febbraio 2024

Intervista a Ticcy: autrice del fumetto italiano Girls Love "Kiss it, Goodbye!"

24 Febbraio 2024