search menu
Articolo Anime & Manga

Dietro le quinte di Oshi no Ko: intervista alla Character Designer Kanna Hirayama

root • 16 Maggio 2023

forum

0

Oshi no Ko è uno degli anime più attesi e discussi di questa stagione, che è riuscito a conquistare il cuore di tutti sia nel bene che nel male. Dalla mente di Aka Akasaka, oggi in questa intervista scopriremo chi c’è dietro a questo nuova anime del momento e come sono riusciti a raggiungere la vetta su MAL dopo solo un episodio. Ecco l’intervista tradotta fatta da AniTrendz e tradotta da noi.

Intervista a Kanna Hirayama, capo direttore dell’animazione del primo episodio e character designer di Oshi no Ko

Piccolo curriculum di Kanna Hirayama:

Entrata nel settore nel 2017 come in-betweener, ha subito dopo iniziato a lavorare a key animation in alcuni episodi di anime come: Made in Abyss, BLEND-S ,  The Promised Neverland ecc.. Nel frattempo ha iniziato il suo primo ruolo come direttore dell’animazione nel quinto episodio di Bloom Into You. I ruoli più importanti li avrà in Oshi no Ko, Rent-a-Girlfriend e Shikimori’s Not Just a Cutie come capo direttore dell’animazione.
Nel video della canzone Idol di Yoasobi, opening di Oshi no Ko, è stata direttore dell’animazione.

Come sei stata coinvolta per la prima volta nel progetto anime di Oshi no Ko?

In precedenza, alla Doga Kobo, ho lavorato come character designer per un anime chiamato SELECTION PROJECT. Successivamente, parlando con il produttore, Kobayashi-san, riguardo a cosa avremmo lavorato dopo, mi ha chiesto se c’era un manga o qualcosa che mi piaceva particolarmente. Ho detto: “Mi piace Oshi no Ko, è molto interessante”.
In seguito, Kobayashi-san ha immediatamente letto Oshi no Ko e ha anche pensato che fosse molto interessante.

Quindi, Hirayama-san, sei stata praticamente tu a proporre l’idea di Oshi no Ko a Kobayashi-san…?

Esatto, sono stata io a suggerirlo.

È esattamente il contrario di ciò che dovrebbe accadere.

Sì, l’ho proposto io.

Cosa ti ha attratto della serie per volerla fare diventare un anime?

Mentre lo leggevo ho pensato che fosse molto interessante e mi piaceva l’autore. Mi piacevano entrambi i lavori precedenti di Akasaka-sensei, Kaguya-sama: Love is War (l’autore di Oshi no Ko) e Scum’s Wish (Kuzu no Honkai) di Mengo-sensei (il disegnatore del manga di Oshi no Ko). Per questo motivo, ho letto il primo capitolo ed era molto interessante.

Quali aspetti dei personaggi hai voluto enfatizzare di più nella creazione dei design dei personaggi per l’anime?

Sicuramente gli occhi e le stelle dentro.

Gli occhi di Ai, Aqua e Ruby sono una parte importante di chi sono. Qual è stato il processo creativo per disegnare gli occhi?

Le stelle dovevano essere fatte bene, ma cos’altro… Le ciglia. Sono stata molto attenta alle ciglia e al loro colore.
La parte superiore della pupilla ha un colore brillante e la linea è tracciata uniformemente. Il motivo di ciò è che quando gli occhi guardano in basso o quando le ciglia sono rivolte verso il basso, se la parte superiore della pupilla fosse di un colore scuro, allora le ciglia sarebbero difficili da vedere. Quindi ho deciso di inserire un colore brillante in mezzo per aumentare il contrasto.
Quando si colora e si unisce nell’animazione, diventa tutto un unico colore. La quantità di informazioni da manga ad anime si riduce. Quindi aumentando il numero di colori, si può ottenere un effetto simile a quello del manga.
In questo disegno si possono vedere le ciglia rivolte verso il basso. Come ho appena detto, il viola chiaro è usato per farle risaltare.

Qual è stato il personaggio più difficile da adattare dal materiale originale?

In termini di disegno, Kana è stata la più difficile. Ma quando abbiamo fatto rivedere i design dei personaggi dall’autore originale, il personaggio che doveva essere ridisegnato più volte era Ai. Quindi probabilmente per me, non sono brava a disegnare Ai.

Kana è stata difficile da disegnare?

Sì, ma la verità è che il design di Kana non doveva essere ridisegnato. L’ho fatto alla prima. Ma Ai doveva essere ridisegnata diverse volte. Mengo-sensei l’ha segnata in rosso per correggere il design. È stato abbastanza difficile.

Qual è stato il processo di creazione dei due design dei personaggi (bambino e l’attuale versione più adulta) per Aqua e Ruby?

Penso che solo Mengo-sensei possa rispondere correttamente a questa domanda, ma i design del bambino e dell’attuale versione erano… Come posso dire? In realtà, ho dovuto prendere ciò che Mengo-sensei aveva disegnato e trasformarlo in forma anime.
Ruby, senza colori, assomiglia esattamente ad Ai. Coscientemente, ho voluto disegnare Ai e Ruby in modo che quando si guarda il line art, si possa distinguere la differenza tra loro.
Quando le ho disegnate non le ho rese troppo diverse.
Quando il volto è visto di fronte o di profilo sinistro, i capelli di Ruby sono più dritti mentre le punte dei capelli di Ai sono più ondulate. Quando si colorano i capelli di Ai sono neri, ma aggiungendo ombre sui capelli neri, essendo la base già nera, diventano solo più scuri. Quindi, con Ai, invece di esprimere i capelli attraverso le ombre, li abbiamo espressi attraverso le luci. Non ci sono molte ombre. Con Ruby, invece, dato che è bionda, se fossero state evidenziate le luci, sarebbero diventati bianchi. Perciò i capelli di Ruby sono stati espressi soprattutto attraverso le ombre.

Come direttore dell’animazione principale, c’è una vasta gamma di scene e umori in Oshi no Ko. Dai componenti musicali, ai momenti intensi della trama e agli scherzi, come hai bilanciato il tutto?

Direi con il numero di linee. In scene serie, ho aggiunto molte linee ai capelli, come per le singole ciocche. Per le scene comiche, invece, ho ridotto il numero di linee sui capelli, in modo che diventino più “chibi-like”.
Sì, è come aggiungere dei capelli fuori posto. Avrei aggiunto più linee rispetto all’immagine di base.

Quindi, se questa immagine è, ad esempio, il design predefinito del personaggio, allora nelle scene serie aggiungeresti più linee rispetto a questa.

Sì. Meno sono le linee, più facile è animare. In generale, se si aggiungono molte linee al viso… Beh, sì, il viso e la parte superiore del viso tendono ad avere più linee. In Oshi no Ko, i volti sono il punto focale, quindi abbiamo equilibrato il tutto avendo meno linee nel resto del corpo.

Come character designer e capo direttore dell’animazione, ci sono stati vantaggi o svantaggi nel ricoprire entrambi i ruoli?

Se sono solo il character designer, disegno solo i design e basta. Non disegno alcuna scena che appare nell’animazione. Quando sono capo direttore dell’animazione, è bello poter dare vita a quei personaggi che disegno. Devo infondere la vita nei personaggi.
Se sei il capo direttore dell’animazione del primo episodio, devi rivedere tutti i cut.

Come ti è sembrato vedere i personaggi che hai disegnato muoversi e prendere vita nell’animazione?

Ero sollevata. Non riesco a vederli fino a quando non sono completamente animati e aggiunti i colori, quindi ero piena di preoccupazione.

Qualche commento finale ai fan mentre continuano a guardare la serie?

Per ora, per favore guardate il primo episodio!

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Le notizie Anime e Manga più importanti della settimana dal 17 al 23 giugno | XEUDWEEKLY

24 Giugno 2024

Attack on Titan: Annunciato l'arrivo del doppiaggio italiano degli ultimi 2 episodi!

23 Giugno 2024

I manga più venduti in Giappone dal 10 giugno al 16 giugno - Oricon

22 Giugno 2024

JPOP annuncia Le 100 ragazze che ti amano tanto tanto tanto tanto tanto

20 Giugno 2024

GLI ANIME DELL'ESTATE 2024 | QUALI SONO E DOVE VEDERLI?

19 Giugno 2024

Le uscite manga della settimana in Italia dal 18 al 24 giugno

18 Giugno 2024